Ernesto Serpe

ErnestoSerpe.Com

Uncategorized

San Lorenzo

San Lorenzo. E già…la lunga notte dei sogni!

La notte delle stelle.

Si. Una notte di quelle passate con il naso in su a rincorrere la scia, non quella chimica, ma quella magica dei sogni e dei desideri. Ma è talmente veloce, talmente fulminea che non si fa in tempo a vederla che è già sparita nel buio dell’infinito e ti resta una esclamazione; sempre la stessa.

E non perché i desideri siano tanti ma il fatto che il quel momento non te ne ricordi nemmeno uno, forse perché non hai desideri; ti basta tutto ciò che hai ma non lo sai.

Ma è pur sempre la notte dei desideri sia pure senza rimpianti e senza rimorsi.

È la notte delle antiche illusioni e della sempre viva speranza. Si è la notte dell’Utopia…

È la notte dei falò sulla spiaggia ma soprattutto la notte con le costine di maiale, birre e salsicciotti con la senape piccante…

È la calda notte di San Lorenzo, la notte dei desideri: ne avessi mai azzeccato uno…mai nemmeno per sbaglio, però si stava bene vicino al falò bagnati d’acqua di mare.

È la calda notte di San Lorenzo. Cade una stella; chiudi gli occhi, esprimi un desiderio. Anche stavolta troppo veloce e anche stavolta l’esclamazione di sempre. Sempre la stessa: ma va affanculo!

Leave A Comment