Ernesto Serpe

ErnestoSerpe.Com

Uncategorized

Ritornato al passato…

Leggendo qua e là commenti giustamente indignati per situazioni e vicende a dir poco incredibili.

Inimmaginabili.

Inconcepibili, se non a menti perverse e diaboliche, per fatti o meglio misfatti: delitti, che pur appartenenti alla realtà quotidiana, sembrano stralci sbiaditi, di abusi e di soprusi, di un’epoca passata.

Si, di un epoca fredda e buia e con essa riaffiorano ricordi di supplizi, di angherie e atrocità ma anche ricordi di spruzzi di dignità, zampilli di riscatto, o di riscossa, di antiche battaglie per la lotta e la conquista dei più elementari diritti civili ed umani: la vita, e, con essa la libertà, la giustizia e la dignità.

Ritornano alla mente lotte e battaglie peraltro già vinte, ma soprattutto già pagate a caro prezzo, e chissà perché, intanto che la “Scienza” fa passi avanti, passi da giganti, inspiegabilmente vengono rimesse tutte in

discussione.

Il progresso tecnologico, proiettato sempre più velocemente, forse pure troppo velocemente, verso il futuro: con i marchingegni sempre più sofisticati: da una parte per infettare e dall’altra per bonificare.

Con le sue microspie, microscopi ma anche con i telescopi, scopre nuovi pianeti, altre galassie e sistemi solari fornendo nel contempo un ulteriore prova di quanto e nonostante tutto, si è, pressoché meno di quel “atomo opaco del male”.

E, in questo gioco perverso, appare inconcepibile e fuori da ogni logica la sensazione, o la certezza, che mentre il Progresso e la tecnologia avanzi, l’Umanità arretri; spinta e sospinta verso un ritorno al passato, verso un baratro feudale di una fredda e buia “Era Medievale”.

Leave A Comment