Ernesto Serpe

ErnestoSerpe.Com

Uncategorized

L’illusione…

L’illusione: è quella strana sensazione simile ad un sogno ad occhi aperti, che talvolta prende, rapisce, culla, coccola e nonostante l’età: rimbambisce.

È quella rappresentazione immaginaria di tante piccole o grandi cose, di speranza in generale, o, di una rivincita, in particolare, che, pur essendo matematicamente convinti, vuoi per l’età, o per altri fattori, che non troverà mai e poi mai la realizzazione nella realtà, come un allocco, ci si continua ad illudere. A sperare. Ed è la speranza fa dire all’allocco: questa volta è la volta buona. Questa volta ce l’abbiamo fatta. Questa volta…ci siamo; questa volta ci credo.

Fino a che, improvvisamente, o finalmente, muore l’allocco. Muore per cause naturali: per sfinimento, per la troppa illusione. Muore sotto il peso di un castello di carta; ancora una volta il castello di carte è crollato. Ma per fortuna, o forse per una rivincita o forse perché si entra inevitabilmente in una fase di amara di disillusione che, sempre aggravata dall’età, porta definitivamente allo stadio terminale.

Stato terminale in cui, ormai convinto e deciso, si comprende in tutta le sue sfaccettature ancora una volta la delusione; l’amara delusione di sempre.

Delusione che, però, grazie soprattutto all’età fa nuovamente prendere fiato, da tutta la forza necessaria per alzare con forza, con coraggio, con decisione, ma soprattutto senza rimpianti il braccio destro o quello sinistro o in subordine entrambe le braccia e a squarciagola ti fa urlare : “sai che c’è? Ma va mpo’ affanculo”.

Leave A Comment